Segreteria Generale - 349 4673401 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

ATTIVITA
ATTIVITA SINDACALI 2020

INCONTRI ED ATTIVITA MESSE IN ATTO DALLA SEGRETERIA GENERALE



Basteranno poche ore dal giorno di terrore nel carcere di Parma ad opera di un detenuto marocchino che ha messo a serio rischio la vita di numerose persone, tra cui quelle degli agenti della polizia penitenziaria (di cui uno ha riportato trauma cranico) intervenuti per bloccare il nordafricano, perché tutti – politici per primi – dimenticheranno la nostra denuncia datata di anni



Adesso i catanesi, i siciliani sanno finalmente perchè il progetto per la costruzione del nuovo carcere Bicocca a Catania è stato definitivamente affossato: con l'operazione “Liberi tutti” è ormai chiaro il disegno per far uscire dalle celle almeno 20 mila detenuti. Quindi non serviranno nuove carceri né in Sicilia né altrove”




Almeno 10 kg di droga al giorno si spaccia e si consuma nelle carceri di tutto il Paese”.
L'allarme parte da Aldo Di Giacomo per il quale “l'operazione nel carcere di Taranto con la “scoperta dell'acqua calda”, vale a dire che gli uomini dei clan si servono di telefonini per il più comodo spaccio di droga dentro e fuori il carcere e per ordini agli uomini sui territori, è solo la punta dell'iceberg



Tra la tesi della presidente della Corte Costituzionale, Marta Cartabia - “il carcere non è sempre la pena più adeguata” - e quella del Garante dei detenuti, Mauro Palma, secondo cui il sovraffollamento degli istituti di pena si risolverebbe solo con le cosiddette misure alternative alla carcerazione, sino ad abolire o comunque rendere “più comodo” il 41 bis, la corte Europea



Il reddito di cittadinanza concesso ed incassato da detenuti ed appartenenti a famiglie della ‘ndrangheta nella Locride, come emerso dall'indagine di Procura della Repubblica e Guardia di Finanza, è l'ultimo e più sonoro schiaffo ai cittadini e ai servitori dello Stato come agenti penitenziari e forze dell'ordine nuovamente sbeffeggiati”. È il commento del segretario



La caccia all'uomo in divisa”, che negli ultimi giorni sembra intensificata con tanti casi in tutt'Italia, comincia dal carcere, perché se le continue aggressioni, accompagnate da azioni di delegittimazione, a cui sono sottoposti gli agenti penitenziari sono tollerate questo diventa un messaggio di incoraggiamento per fare altrettanto fuori dal carcere



Continua incessante l’attività di osservazione da parte della Polizia Penitenziaria all’interno del Carcere di Foggia, dimostrando ancora una volta equilibrio operativo tra sicurezza e rispetto della dignità umana delle persone ristrette. Nella giornata di venerdì sono stati rinvenuti altri cinque telefonini dai poliziotti del locale Carcere di Foggia


Ci aspettiamo che ci sia solo il morto, tra il personale penitenziario, per scuotere la classe politica che rispetto ai quotidiani e vergognosi fatti che accadono a Poggioreale continua a nascondere la testa sotto la sabbia”: è il commento di Aldo Di Giacomo, dopo l'aggressione con strangolamento nel carcere napoletano di un agente che solo grazie al pronto intervento di colleghi si è salvato.


Ha fatto bene iI Capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria Francesco Basentini ad invitare i direttori degli istituti penitenziari ad elevare il livello di allerta e di sensibilità nei confronti di un possibile innalzamento della minaccia terroristica. Noi lo abbiamo denunciato da tempo: le celle sono un formidabile strumento strategico di reclutamentosfruttato


Quando in più occasioni abbiamo denunciato che la confusione diffusissima nel sistema giudiziario del Paese tra vittime e carnefici fa brutti scherzi non avremmo mai e poi mai immaginato di dover commentare il provvedimento assunto, al di là di ogni più fantasiosa immaginazione, di intesa tra Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria campana e la Procura

S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu