Segreteria Generale - 349 4673401 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

29 luglio 2021 Aldo Di Giacomo: basta con la spettacolarizzazione. Basta con le strumentazioni politiche. La Polizia Penitenziaria merita rispetto

Sindacato del Corpo di Polizia Penitenziaria
Pubblicato da in Segreteria ·

“Basta con la spettacolarizzazione. Basta con le strumentazioni politiche. La polizia penitenziaria non ha alcun bisogno di visite ed incontri interessati a strappare consensi e voti, ma di fatti ed impegni concreti”. Ad affermarlo è il segretario generale del S.PP. Aldo Di Giacomo, in riferimento alla visita del segretario della Lega Matteo Salvini al carcere di Rebibbia (sezione femminile) dove nei giorni scorsi si è verificato l’ennesimo atto di violenza contro il personale con l’incendio di alcune auto di agenti penitenziari. “Salvini – aggiunge il segretario del sindacato penitenziario Aldo Di Giacomo– non è nuovo a questi gesti che, lo dice chi non può essere certamente additato come esponente della sinistra, fanno solo del male all’immagine del Corpo, contribuendo ad accrescerne l’isolamento nell’opinione pubblica. Del resto è ben altro l’atteggiamento assunto dagli altri partiti del centrodestra che hanno manifestato prima di tutto rispetto per il sindacato dei penitenziari senza strumentalizzare i fatti accaduti nelle ultime settimane. Almeno noi non possiamo accettare e tacere gli inviti diffusi attraverso post sui social ad “essere numerosi” per accogliere Salvini come se si trattasse di uno spettacolo da circo a cui non mancare. Ai selfie e alle manifestazioni da clamore mediatico preferiamo – continua Di Giacomo – gesti di solidarietà autentica accompagnati da iniziative che a parlamentari e politici non dovrebbero mancare come sanno bene e come fanno con emendamenti, proposte di legge e provvedimenti vari di cui c’è grande traccia alla Camera e al Senato.
Soprattutto dopo la visita alla casa circondariale "Francesco Uccella" di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) del presidente del Consiglio Mario Draghi e del ministro della Giustizia Marta Cartabia è ora che ci si occupi seriamente dei problemi del sistema penitenziario senza illudersi che sfollando le celle, tutto si risolva di colpo. Se il sistema carcerario non funziona nel nostro Paese non è certo a causa di rivolte di detenuti o di fatti come quelli di Santa Maria Capua Vetere che sono solo la spia di un profondo malessere che ha antiche motivazioni chiaramente individuabili e da risolvere senza dimenticanze o strumentalizzazioni o sottovalutazioni. Ma continuiamo ad insistere: la priorità è oggi quella di mettere fine alla campagna di odio contro uomini e donne in divisa che sono oggetto di atti gravi di aggressioni, violenze ed intimidazioni”.



S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu