Segreteria Generale - 349 4673401 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

8 gennaio 2020. A Napoli i detenuti trasporteranno fascicoli giudiziari, il garante dei detenuti ha scontato una pena di una ventina di anni di carcere, lo stato nelle carceri non ha più nessun controllo e fuori loro dettano legge: Di Giacomo, siamo alla follia pura la politica incapace o ancora peggio?

Sindacato del Corpo di Polizia Penitenziaria
Pubblicato da in Segreteria ·

 
“Quando in più occasioni abbiamo denunciato che la confusione diffusissima nel sistema giudiziario del Paese tra vittime e carnefici fa brutti scherzi non avremmo mai e poi mai immaginato di dover commentare il provvedimento assunto, al di là di ogni più fantasiosa immaginazione, di intesa tra Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria campana e la Procura della Repubblica di Napoli: ai detenuti verrà affidato il servizio di trasporto di atti e fascicoli giudiziari. Non ci meraviglieremmo se domani gli stessi detenuti fossero ammessi a far parte di Giurie Popolari”. Lo sostiene il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria Aldo Di Giacomo aggiungendo che: “dopo la nomina di un ex detenuto condannato a 20 anni di carcere a Garante dei Detenuti, dopo i continui ritrovamenti di telefonini dagli istituti di pena campani, dopo i numerosi permessi premi che diventano fuga o occasione per delinquere e persino uccidere, la Campania è diventata “zona franca” per quella stessa criminalità organizzata, la camorra, che ha stretto patti di cooperazione con la mafia siciliana. Quanto alla “opportunità” offerta ai detenuti-collaboratori di uffici giudiziari, fatta passare addirittura per una “best practice” - dice Di Giacomo – siamo alla pura follia, perché ignorando il fenomeno “misterioso” della sparizione di numerosi fascicoli dagli uffici giudiziari campani, si affidano compiti delicatissimi a quanti hanno problemi con la giustizia, dando loro un'ulteriore patente di “collaboratori di giustizia” dopo la controversa esperienza che si è registrata negli anni in proposito. Siamo ancora una volta di fronte al prevalere della teoria del buonismo che persegue il reinserimento sociale e lavorativo dei detenuti ad ogni costo e senza particolari distinzioni. Per chi evidentemente continua ad avere la mente offuscata tra vittime e carnefici - sottolinea Di Giacomo – è il caso di ricordare che mentre a detenuti saranno affidati compiti di movimentazione di fascicoli a chiunque aspiri ad un impiego pubblico si chiede, previa esclusione, l’essere immune da precedenti penali”.
 
Per Di Giacomo “la situazione in Campania ha raggiunto un punto di non ritorno. Si pensi ai continui casi di aggressione ai medici del 118, per i quali il Sindacato Polizia Penitenziaria ha chiesto l'inasprimento delle pene per gli autori. Noi del S.PP. siamo per pene dure, della durata minima di cinque anni, e senza la possibilità di concedere i cosiddetti benefici. Ho letto dell'idea del Ministero dell'Interno di ricorrere a telecamere da montare a bordo delle autoambulanze. Ancora un segnale che istituzioni e politica – conclude Di Giacomo – invece di indirizzare l'impegno e l'iniziativa per la soluzione più semplice – qual è appunto l'inasprimento di pene – pensano ad azioni plateali”.



S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu