Segreteria Generale - 389 8891634 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

8 maggio 2019. Nelle carceri la mafia nigeriana ha sopraffatto le nostre organizzazioni criminali

Sindacato del Corpo di Polizia Penitenziaria
Pubblicato da in Segreteria ·

“Nelle carceri italiane i nigeriani affiliati alle quattro grandi cosche africane, conosciute anche come Cult - Eiye, Black Axe, Viking e Mefite – hanno sopraffatto le organizzazioni mafiose e criminali storiche italiane nel controllo dei detenuti”. L’allarme viene da Aldo Di Giacomo, segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria, riferendo che al 30 aprile scorso negli istituti di pena del Paese sono detenuti 1.607 nigeriani di cui 982 sono imputati e 625 sono condannati, che rappresentano quasi l’8% della popolazione carceraria straniera, con un incremento significativo di anno in anno (nel 2017 erano poco più del 5%). Nel 2017, secondo dati più recenti, su 12.387 reati firmati dalla criminalità nigeriana (un quinto di quelli commessi da tutti gli stranieri da noi), 8.594 avvengono al Nord, 1.675 al Centro, 1.434 al Sud, 684 nelle Isole.
Da mesi abbiamo lanciato sollecitato il Ministero di Grazia e Giustizia e l’Amministrazione Penitenziaria a non sottovalutare la crescente pericolosità della mafia nigeriana nelle carceri, nei Centri di Accoglienza per richiedenti asilo dove – aggiunge Di Giacomo – avvengono l’affiliazione o il reclutamento delle cosche africane.
All’ambasciatore italiano in Nigeria, Stefano Pontesilli, che di recente, ha “rassicurato” i media nigeriani sulle condizioni di detenzione dei propri connazionali sostenendo che “il Governo italiano sta facendo il massimo per gli immigrati accogliendoli, sfamandoli, dandogli un lavoro, una casa e aiutandoli a ricostruirsi una vita”, vorrei ricordare il diverso atteggiamento del Regno Unito che ha siglato, già da qualche anno, un accordo per il trasferimento obbligatorio dei detenuti. Il progetto per la costruzione di una nuova ala del carcere di Kiri Kiri in Nigeria ha un costo di 695.525 sterline, mentre il costo medio di un posto in carcere nel Regno Unito nel 2016/17 era di 38.042 sterline, cioè circa 43 mila euro. A regime, il risparmio per le casse britanniche dovrebbe essere di più di quattro milioni e 800 mila euro all’anno. Basterebbe fare due conti per verificare quanto costa allo Stato Italiano la detenzione dei nigeriani e constatare – dice ancora Di Giacomo – come l’iniziativa del governo inglese è estremamente interessante e vantaggiosa.
Quanto alla pericolosità delle quattro grandi cosche africane, allo sfruttamento della prostituzione e al traffico di droga vanno ad aggiungersi altri reati “esotici”: tratta di esseri umani e riduzione in schiavitù. Leggere dai giornali di indagini su donne e bambini “squartati” per sacrifici e riti magici, di reni ed organi espianti da bambini o donne rapiti, provoca profonda indignazione che intendiamo accompagnare con iniziative di mobilitazione popolare e protesta. Le ramificazioni criminali da Castel Volturno, diventata una “enclave” della mafia nigeriana dove tutto è consentito – continua il segretario del Sindacato Penitenziari - arrivano in tutti i più piccoli centri delle province italiane. E non vorremmo che dopo le numerose operazioni delle forze dell’ordine la “base operativa” sia stata decentrata altrove.



S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu