3 febbraio 2022 Aldo Di Giacomo: nel carcere comandano loro. Dopo le dimissioni di Petralia non vorremmo ci sia la resa dello stato

Attività, Editoriale Aldo Di Giacomo

“Il blitz antimafia a Taranto con il capo clan che dal carcere comandava la cosca e – fenomeno anche questo molto diffuso tra le donne dei clan – la moglie diventata reggente, insieme alla tentata estorsione ai danni di un commerciante astigiano attraverso telefonata dal carcere sono la “prova” che a comandare sono sempre e solo loro, i criminali che vogliono imporre il proprio controllo di traffici e la propria supremazia sullo Stato”.

Così il segretario generale del S.PP. Aldo Di Giacomo: “In quello che abbiamo definito l’”anno horribilis” del sistema penitenziario italiano che in un solo mese ha messo a nudo tutte le sue emergenze – aggiunge – abbiamo toccato il fondo con le organizzazioni criminali che anche approfittando della situazione di diffusa pandemia – i detenuti positivi sono oltre 3.500 – tentano la “spallata” approfittando delle numerose e consistenti “falle” del sistema.

Le dimissioni del capo del DAP Petralia, nonostante i tentativi di farle passare per pre- pensionamento, appalesano la grande difficoltà a reagire alla sfida criminale che viene dalle carceri. Non vorremmo venisse interpretata da mafiosi, camorristi, ‘ndranghetisti come una “resa”, il più classico gesto di “gettare la spugna”.

E – aggiunge Di Giacomo – non vorremmo che a prendere il posto di Petralia, assecondando un clima “buonista” nei confronti dei detenuti ampiamente diffuso – ultimo caso è la sentenza della Corte contro la censura alle lettere destinate ai detenuti 41 bis – arrivi un nuovo capo DAP “buonista”.

“Il Premier Draghi si è richiamato ai principi dell’Articolo 27 della Costituzione che riguardano lo strumento della detenzione (“Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”) ma – aggiunge Di Giacomo – non ha fatto alcun richiamo ai diritti del personale penitenziario che è stato messo nelle condizioni di non potersi nemmeno difendere dalle aggressioni.

Sono tanti infatti i colleghi che si ritrovano in inchieste giudiziarie che durano anni solo per aver esercitato il diritto-dovere di contenimento di fronte alla violenza e ad atti di rivolta dei detenuti.

Se si vuole che il personale debba subire passivamente le aggressioni lo si dica chiaramente.

È bene che i cittadini si rendano conto che nelle carceri non sono reclusi vittime o angeli, ci sono autori di crimini efferati per i quali da tempo invece si sostengono la clemenza e provvedimenti di indulto.

Noi non ci stiamo a mettere sullo stesso piano i servitori dello Stato e i criminali che pretendono il controllo del carcere e sono un costante pericolo dell’ordine pubblico e la minaccia per la libera convivenza dei cittadini.

Soprattutto dopo gli impegni solenni del presidente Draghi e del ministro Cartabia, è ora che ci si occupi seriamente dei problemi del sistema penitenziario senza illudersi che con il comportamento “buonista” sino a sfollare le celle, tutto si risolva di colpo”.

Il Segretario Generale

Dott. Aldo Di Giacomo

Dott. Aldo Di Giacomo

Carissimi Colleghi, da oggi chiunque voglia parlare con il Segretario Generale S.PP. Aldo DI GIACOMO può “incontrarlo” attraverso videochiamata WhatsApp per trattare argomenti a carattere personale e/o tematiche collettive.

Per poter fissare un incontro chiamare al numero 3398085556 o inviare un messaggio WhatsApp.

Collaborazione

Flessibile, vantaggioso e dinamico.

Che tu sia un dipendente o un libero professionista,

Alleata Previdenza ti aiuta a costruire il domani a partire dai tuoi bisogni odierni.

Rimborsi cessione del V

Hai estinto anticipatamente o rinnovato una Cessione del Quinto negli ultimi 10 anni?

Puoi avere un rimborso da 1.000 € a 5.000 €.

Richiedere il rimborso è un tuo diritto.

Non dovrai anticipare spese di avvio pratica.

Consulenza e Servizi

La nostra Segreteria ha sviluppato nel tempo numerosi accordi in convenzione, realizzati per soddisfare le esigenze di risparmio e protezione dei propri iscritti e dei loro familiari.

k

Tag

n

Categorie

Video SPP