Segreteria Generale - 389 8891634 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

26 marzo 2018. San Remo: colloquio “hard” in carcere alla presenza dei due figli: la polizia penitenziaria raffredda i bollori

Sindacato del Corpo di Polizia Penitenziaria
Pubblicato da in Notizie ·


In Valle Arma, a Sanremo: il colloquio tra marito e moglie (poi denunciati) si è fatto troppo «intimo».
Parlatorio «hard» in carcere a Sanremo dove la polizia penitenziaria è stata costretta a intervenire, sabato pomeriggio, per porre termine alle «effusioni» a luci rosse che stavano avendo luogo tra un detenuto e la moglie. La coppia non è riuscita evidentemente a tenere a freno gli istinti nonostante il colloquio stesse avendo luogo, in forma protetta, quindi senza altri reclusi intorno, per la presenza dei figli (due bambini con meno di dieci anni). La tutela dei minori impone il massimo riserbo sui dati dei protagonisti della vicenda che per il momento ha portato alla denuncia di entrambi per atti osceni in luogo pubblico. Secondo quanto trapelato nella giornata di ieri la coppia si sarebbe avvicinata eccessivamente, sempre tenendo indosso i vestiti, ma iniziando a consumare un rapporto sessuale. Sono stati gli addetti al controllo, attraverso il sistema di telecamere interno al penitenziario, a mettere a fuoco quanto stava accadendo e a far cessare l’imbarazzante situazione. La cosa complicata è stata entrare nella sala colloqui «privata» senza far capire ai due ragazzini, che stavano tranquillamente giocando, cosa in realtà stesse accadendo loro intorno. Il colloquio, senza clamori particolari, ha avuto fine in modo repentino (e senza reazioni da parte della coppia). Al di là della denuncia penale, cui potrebbe essere contestata l’aggravante relativa alla presenza dei minori (una possibilità al vaglio della procura), nei confronti del detenuto sarebbe stato avviato anche un procedimento disciplinare interno legato all’aver violato le prescrizioni che regolano i colloqui con i familiari (in particolare quelli con i figli che avvengono in una formula che consenta una qualche intimità, quindi senza la presenza fisica degli agenti addetti al controllo e di altri reclusi).
Negli anni si tratta del primo episodio del genere accaduto nel carcere di Valle Armea dove gli agenti si erano già confrontati con altre violazioni avvenute nel corso dei colloqui: si trattava in particolare di tentativi di cessione di piccoli quantitativi di sostanze stupefacenti (in particolare attraverso baci appassionati) e di effetti personali non autorizzati dal regolamento.  



S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu