Segreteria Generale - 389 8891634 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

1marzo 2019. Aldo Di Giacomo carcere Campobasso: vergogna senza fine, carceri immondezzai

Sindacato del Corpo di Polizia Penitenziaria
Pubblicato da in Segreteria ·

 
È vergognoso trovare nel carcere di Campobasso un detenuto psichiatrico, costretto all’uso del pannolone e in condizioni di assoluto e costante bisogno di assistenza specialistica, in condizioni igieniche con confortanti, in una cella che non dovrebbe vederlo lì. Purtroppo è solo uno dei tanti reclusi psichiatrici che si trovano nelle carceri italiane dopo la chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari con la legge 81/2014 che invece dovrebbero essere ricoverati nelle Rems, le strutture alternative agli istituti di pena.
 
La denuncia è del segretario generale del S.PP. Aldo Di Giacomo che oggi ha tenuto un sopralluogo nel carcere del capoluogo molisano.
 
Come se non bastassero i troppi problemi del sistema carcerario si è aggiunta – continua – una vera e propria emergenza psichiatrica da fronteggiare adeguatamente e non certo attraverso il personale penitenziario che non è in grado di fornire la dovuta assistenza. È una questione di dignità per detenuti e personale che impone la rimozione del Capo del DAP come dei dirigenti delle strutture regionali penitenziarie del Ministero di Grazia e Giustizia. Si sottovaluta che per la ben nota carenza di psichiatri e psicologi i poliziotti sono costretti a svolgere mansioni non proprie rispetto ad una realtà, quella della salute mentale dei detenuti, che troppo spesso viene dimenticata da report e statistiche. Eppure il tema è tutt’altro che secondario. «Rispetto a chi è nel sistema penitenziario - si legge nell’ultimo rapporto del Ministero - si calcola che oltre il 50 per cento dei detenuti assume terapie farmacologiche per problemi psichiatrici». Secondo quanto prevede la legge, in ogni regione devono essere garantiti appositi servizi di assistenza, attraverso l’attivazione di reparti di “Osservazione psichiatrica” per la cura dei detenuti affetti da specifiche patologie e «stabilire la loro compatibilità con il regime carcerario». Ma questo non accade.
 
Di Giacomo rivolge un appello al Ministro alla Giustizia Alfonso Bonafede affinché ponga fine a questa vergogna; il carcere non può continuare ad essere un immondezzaio dove si butta dentro di tutto. Vi è bisogno di rivedere la vigilanza dinamica con un sistema che consenta di porre al centro la rieducazione dei pochi detenuti che vogliono farlo e non come ora che si dà mandato di delinquere ai criminali che gestiscono i loro traffici illeciti da dentro le carceri o peggio ancora alla criminalità organizzata di scegliere come ricovero da possibili acquati sapendo che dà dentro comunque riescono a gestire senza preoccupazione le loro strutture esterne. Noi – aggiunge – siamo disponibili ad aiutare il ministro Bonafede ad identificare le maggiori e più gravi emergenze in modo da guadagnare tempo per ripristinare le legittime condizioni di detenzione e al tempo stesso di lavoro per il personale penitenziario che non può certamente occuparsi di tutto anche perché le piante organiche a Campobasso come negli altri istituti sono fortemente deficitarie di personale.






S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu