Segreteria Generale - 349 4673401 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

3 dicembre 2021 Aldo Di Giacomo, raccogliere appello OMS per prevenire nuova ondata covid nelle carceri

Sindacato del Corpo di Polizia Penitenziaria
Pubblicato da in Segreteria ·

“Le quotidiane notizie di nuovi focolai Covid nelle carceri superano di fatto i dati non aggiornati e parziali del Ministero di Grazia e Giustizia sul numero di contagiati tra personale penitenziario e detenuti, al punto che l'OMS ha intensificato l’appello alle autorità a prevenire l'epidemia nelle carceri considerandolo un “compito impegnativo ma essenziale”. Così il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria – S.PP. – Aldo Di Giacomo che aggiunge: “è intollerabile incrementare ogni azione per contrastare la nuova ondata alimentata dalla variante cosiddetta sudafricana che ha colpito il Paese e tutto il mondo escludendo gli istituti penitenziari. Si sta ripetendo lo stesso grave errore di sottovalutazione compiuto con la prima e acuta emergenza pandemica quando si è tardato con i vaccini e con le misure di protezione. È una situazione – dice Di Giacomo – che riprova la tesi coltivata da parte dello Stato del carcere completamente avulso dal resto delle città dove invece si punta ad accrescere controlli e azioni di contrasto al Covid. Francamente non riusciamo a capirne le motivazioni se non la conferma che istituzioni e politica continuano a manifestare incapacità a gestire questa emergenza come le altre emergenze del sistema penitenziario.
Insieme all’accelerazione della somministrazione della dose booster (terza dose) – continua Di Giacomo – serve predisporre un piano straordinario di prevenzione. Si registra invece che si è abbassata la guardia persino sulle misure minime di prevenzione, dimenticando che le rivolte nelle carceri nella primavera 2020 hanno avuto come scintilla proprio la diffusione della pandemia e che quindi è molto facile innescare di nuovo tensioni, del resto già presenti in alcune carceri.
Per questa ragione – dice Di Giacomo – mettiamo in guardia i Ministri alla Salute e di Grazia e Giustizia. Fuori dal carcere si punta al Super Green Pass, dentro nemmeno l’attuale Green Pass viene obbligatoriamente esteso a tutti, a cominciare dai familiari e dagli avvocati dei detenuti. In queste condizioni, come possono confermare i medici e gli esperti della pandemia, non c’è alcuna condizione di prevenzione vera dal contagio. A noi pare di cogliere – afferma il segretario generale del Sindacato Penitenziari – una sorta di paura dello Stato che non ha alcuna intenzione di introdurre prescrizioni rigorose sul doppio piano giuridico e sanitario per i colloqui in carcere temendo la reazione di quei clan di criminali che continuano a dimostrare di comandare e controllare i penitenziari”.



S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu