Segreteria Generale - 349 4673401 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

16 dicembre 2018 Aldo Di Giacomo: Cpr Palazzo San Gervasio Potenza-in due in ospedale

Sindacato del Corpo di Polizia Penitenziaria
Pubblicato da in Segreteria ·

Quando si deciderà il Governo a chiudere il Centro di permanenza per il rimpatrio di Palazzo San Gevasio come tutti gli altri? A chiederlo è il presidente del Sindacato Polizia Penitenziaria S.PP. Aldo Di Giacomo a commento dei violenti disordini registrati oggi nel Centro che hanno provocato il ferimento di uomini delle Forze dell’ordine. Nel ricordare che l’estate scorsa è avvenuto l’arresto all'interno dello stesso Cpr di due extracomunitari che ha fatto seguito a quello di poco precedente di un terrorista macedone, nel recente passato ospitato sempre a Palazzo, Di Giacomo denuncia il rischio quotidiano che conferma la fondatezza e la gravità della nostra denuncia sulla situazione di emergenza che si registra in questo come in altri Centri che sono presenti sul territorio nazionale. Oggi – dice – si è assistito ad un’autentica rivolta che avrebbe potuto avere conseguenze ancora più gravi non solo sul personale di vigilanza ma anche sulla popolazione civile.
Gli ultimi dati forniti dal Ministero alla Giustizia con il precedente Ministro Orlando
– sottolinea Di Giacomo - sono sicuramente superati da una situazione in forte evoluzione per il continuo e costante ingresso di cittadini extracomunitari di fede islamica (e non) nei Cpr e nei nostri istituti penitenziari. Ma se è assolutamente chiaro chi sono i terroristi e i violenti, in quanto sono in carcere perché imputati o arrestati per una specifica fattispecie  di  reato, non  è così  chiara la costruzione  delle altre  tre categorie entro cui sono collocati i detenuti ritenuti ‘radicalizzati’.
Per questo è indispensabile sviluppare nei CPR e nelle carceri programmi mirati alla formazione di personale che sappia individuare i processi di radicalizzazione per aiutarli a distinguere la pratica religiosa, o il riferimento a una particolare concezione
dell’islam, dai possibili indicatori di radicalizzazione.
Altra nostra richiesta è quella di rafforzare il personale di polizia penitenziaria specie negli istituti dove il numero di detenuti extracomunitari ed islamici è più alto e dove si continuano a verificare episodi di aggressione al personale.
Ovviamente – conclude – insistiamo nella sollecitazione rivolta al Governo a chiudere tutti i CPR attraverso l’immediata espulsione dall’Italia di tutti gli extracomunitari sospettati di crimini compiuti nei Paesi d’origine e che potrebbero commetterne da noi.



S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu