Segreteria Generale - 349 4673401 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

4 dicembre 2021 Aldo Di Giacomo, anche il Procuratore capo di Bologna condivide le nostre valutazioni: nel carcere comandano i criminali più forti

Sindacato del Corpo di Polizia Penitenziaria
Pubblicato da in Segreteria ·

 
“Leggere le valutazioni del Procuratore Capo di Bologna Giuseppe Amato sulla situazione del carcere del capoluogo emiliano, che è quella “tipo” di tutte le carceri del Paese, ci sprona a continuare la nostra iniziativa sindacale e tra l’opinione pubblica per fare chiarezza sul nostro sistema penitenziario. Noi lo ripetiamo da anni e il magistrato di Bologna lo conferma: “in carcere chi ha i soldi si fa arrivare i cellulari e continua a comandare da dietro le sbarre”. Così il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria – S.PP. – Aldo Di Giacomo: “Verificare una comune consapevolezza con magistrati illuminati, attenti a cogliere tutti i segnali che provengono dal carcere – aggiunge – ci ripaga, almeno in parte, della profonda amarezza per la disattenzione e la grave sottovalutazione espresse dalla politica e dalle istituzioni. Accade che lo Stato abbia ammainato “bandiera bianca” cedendo il controllo delle carceri, con traffici di telefonini, droga, persino armi, a clan e gruppi criminali che impongono, come accade senza denunce, persino violenze sessuali e soprusi di ogni genere.
 
Ad accrescere il livello di tensione – continua il segretario generale del S.PP. – da una parte la diffusa convinzione di restare impuniti nel commettere reati nei penitenziari e dall’altra il clima di delegittimazione del personale penitenziario che ormai è fortemente diffuso, dai fatti di Santa Maria Capua Vetere, che alimenta la convinzione tra i capi gang di poter adesso osare sempre di più nella sfida allo Stato che ha ammainato bandiera bianca. Il Premier Draghi si è richiamato ai principi dell'Articolo 27 della Costituzione che riguardano lo strumento della detenzione ("Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato") ma – aggiunge Di Giacomo – non ha fatto alcun richiamo ai diritti del personale penitenziario che è stato messo nelle condizioni di non potersi nemmeno difendere dalle aggressioni. Sono tanti infatti i colleghi che si ritrovano in inchieste giudiziarie che durano anni solo per aver esercitato il diritto-dovere di contenimento di fronte alla violenza e ad atti di rivolta dei detenuti. Se si vuole che il personale debba subire passivamente le aggressioni lo si dica chiaramente.
 
 
È bene che i cittadini si rendano conto che nelle carceri non sono reclusi vittime o angeli, ci sono autori di crimini efferati per i quali da tempo invece si sostengono la clemenza e provvedimenti di indulto. Noi non ci stiamo a mettere sullo stesso piano i servitori dello Stato e i criminali che pretendono il controllo del carcere e sono un costante pericolo dell’ordine pubblico e la minaccia per la libera convivenza dei cittadini. Soprattutto dopo gli impegni solenni del presidente Draghi e del ministro Cartabia, è ora che ci si occupi seriamente dei problemi del sistema penitenziario senza illudersi che sfollando le celle, tutto si risolva di colpo”.  



S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu