Segreteria Generale - 349 4673401 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

27 settembre 2019. Casa circondariale di Melfi nel caos più totale, si continuano a rinvenire telefoni cellulari utilizzati dai boss ristretti per continuare a dettare comandi per le attivita' criminali, da carcere modello a carcere colabrodo.

Sindacato del Corpo di Polizia Penitenziaria
Pubblicato da in Segreteria ·

E' di ieri la notizia del ritrovamento di tre microtelefoni cellulari all' interno della 4" sezione Alta Sicurezza del Carcere di Melfi (Pz), telefoni che venivano utilizzati da alcuni " BOSS" ristretti nel penitenziario melfitano.
il Vice Segretario Generale del Sindacato Polizia Penitenziaria "S.P. P. " Vito COVIELLO in merito agli ultimi accadimenti dichiara:  " Ne gli ultimi mesi il carcere di Melfi è stato sotto la lente di ingrandimento perché altri telefoni cellulari, oltre che a sostanze stupefacenti, sono stati rinvenuti sempre nelle sezioni alta sicurezza, sezioni dove, precisiamo, sono ristretti delinquenti appartenenti alla criminalità organizzata.
Gli accadimenti che si stanno verificando, senza ombra di dubbio, lasciano trapelare che il sistema gestionale ed organizzativo della struttura federiciana presenta numerosissime falle, criticità le cui responsabilità vanno ricercate, oltre che nell'amministrazione centrale, anche forse in coloro che la struttura la gestiscono a livello periferico, mostrando una totale inadeguatezza.
Purtroppo ci consta rilevare che il carcere di Melfi, un tempo ritenuto fiore all'occhiello della realtà penitenziaria lucana oggi, dopo il cambio di molti direttori e l'assenza del Comandante titolare, sia diventato un vero e proprio colabrodo.
Come sindacato siamo ben consci delle tante difficoltà che il sistema carcere oggi presenta, ma siamo altrettanto consci che per governare delle realtà difficili è necessario avere delle doti che permettano di avere una chiara visione di ciò che si stà governando e di conoscere bene tanto i punti di forza della propria organizzazione quanto e soprattutto i punti deboli, al fine di poter intervenire ponendo rimedio alle deficienze.
Sarebbe il caso che l'Amministrazione centrale valutasse la ipotesi di inviare una ispezione ministeriale presso la struttura melfitana al fine di accertare la corretta gestione della struttura e ricercare, oltre che le responsabilità per ciò che scandalosamente stà accadendo, anche eventuali soluzioni, magari prevedendo un avvicendamento ai vertici della struttura . "
Il carcere, conclude COVIELLO, se non è in grado di garantire sicurezza, non ha ragione di esistere come istituzione.



S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu