Segreteria Generale - 349 4673401 - spp.segreteriagenerale@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

15 maggio 2018. Di Giacomo: garante detenuti considera il carcere un “purgatorio” ma la realta’ è tristemente diversa

Sindacato del Corpo di Polizia Penitenziaria
Pubblicato da in Segreteria ·

La tesi esposta da Mauro Palma, Garante nazionale delle persone detenute, in occasione del convegno, promosso a Napoli, da Magistratura Indipendente, secondo il quale siamo di fronte a due racconti simmetrici , da un lato, dichiarazioni che c'è una situazione “infernale” delle carceri, dall'altro, comunicati del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria che descrivono un singolo progetto o iniziativa parlandone come un “paradiso", potrebbe far sorridere se non fosse che la cronaca quotidiana ci richiama alla triste realtà degli istituti italiani di pena . E mi riferisco solo a due casi dell’ultimo fine settimana: a Treviso un detenuto che aggredisce cinque poliziotti penitenziari mandandoli in ospedale e a Rimini la “rappresaglia” di detenuti senegalesi nei confronti di un detenuto albanese. Altro che “purgatorio” come farebbe credere il Garante per motivare ancora una volta il sostegno alle cosiddette misure alternative. È il commento di Aldo Di Giacomo, segretario generale del S.PP. (Sindacato Polizia Penitenziaria).
 
Siamo di fronte da qualche tempo – aggiunge – ad una sorta di campagna di pressione nei confronti del nuovo Parlamento perché i decreti del Ministro Orlando, non dimentichiamo votati a Camere sciolte in Commissione Giustizia, che noi abbiamo definito “svuota carceri”, perché lasciano libere tutte le persone condannate fino a 4 anni per  qualsiasi  reato, facendole accedere alle misure alternative, possa avere una corsia preferenziale e quindi il disco verde. Noi insistiamo invece con il disco rosso perché non è affatto vero  che  abbassando l’attuale popolazione carceraria, attualmente vicina alle 58mila persone, con un crescendo di detenuti extracomunitari e immigrati, automaticamente, si risolvano i problemi dentro e fuori gli istituti penitenziari.
All’interno – dice ancora Di Giacomo – persiste prioritariamente la necessità di garantire l’incolumità e la serenità al personale di Polizia Penitenzia perché 7 aggressioni a poliziotti  e  22 colluttazioni tra detenuti ogni giorno non sono pochi.
L’auspicio è che il nuovo Governo che è in via di composizione e con esso il nuovo Ministro alla Giustizia cancellino subito i decreti Orlando e ristabiliscano con nettezza e chiarezza la distinzione di ruoli tra vittime e carnefici.



S.PP. SIndacato Polizia Penitenziaria - Tutti i diritti riservati

Iscriviti alla newsletter

Orario contatti Segreteria Generale
dalle ore 09.00 - alle 12.00
dalle ore 15.00 - alle ore 17.00
Telefono 349-4673401
Email:
>>segreteria@sindacatospp.it
>>spp@pec.sindacatospp.it

                   

Torna ai contenuti | Torna al menu