19 marzo 2020. Carceri Piemonte Di Giacomo: dalle vallette prime avvisaglie, situazione esplosiva. polizia penitenziaria in ginocchio

Attività

“Il clima di grave tensione che si è accentuato nel carcere delle Vallette di Torino, dopo la notizia dell’accertamento di un agente della polizia penitenziaria positivo al coronavirus, è solo la punta dell’iceberg di una situazione esplosiva e al tempo stesso un’avvisaglia da non sottovalutare per quello che potrebbe succedere da un momento all’altro in tutti i 13 istituti penitenziari piemontesi”.

Ad affermarlo è Aldo Di Giacomo, segretario generale del S.PP. che aggiunge: “a noi risultano già tre i casi di colleghi in servizio nelle carceri del Piemonte positivi a cui aggiungere un detenuto.

E i dati della popolazione carceraria – 4.600 detenuti rispetto ad una capienza di 3.700 – con circa 3 mila agenti e 500 operatori penitenziari dovrebbero far scattare misure straordinarie per bloccare e prevenire il contagio. L’unica misura adottata – i nuovi arrivati, dopo che vengono arrestati, vengono sistemati in “domiciliazione fiduciaria” in celle di isolamento – non è affatto soddisfacente.

Nessuno si illuda per il fatto che le proteste delle scorse settimane nelle carceri piemontesi sono state meno violente delle rivolte avvenute altrove”.

La verità – dice Di Giacomo – che gli agenti in servizio in Piemonte sono stremati. Non ce la fanno più, con turni di lavoro prolungati e senza mascherina perché alcuni direttori lo “impongono” per evitare – dicono – di creare ulteriore allarmismo nella popolazione carceraria.

Ma la testimonianza più evidente di considerare la Polizia Penitenziaria “carne da macello” – spiega Di Giacomo – è la circolare del Capo del Dipartimento Dott. Francesco BASENTINI, nella quale,   in   un   passaggio,   testualmente  riporta “…nella   prospettiva di salvaguardare l’ordine  e la sicurezza pubblica collettiva, si ritiene che gli operatori di Polizia Penitenziaria in servizio presso le strutture penitenziarie, in quanto operatori pubblici essenziali, debbono continuare a prestare servizio anche nel caso in cui abbiano avuto contatti con persone contagiate o che si sospetti siano state contagiate. Evitando ogni contatto con i detenuti …”.

È ormai chiaro il tentativo di scaricare sui poliziotti penitenziari la gestione dell’emergenza sanitaria da coronavirus che si è dimostrato di non saper gestire.

Nonostante questa situazione allarmante – continua il segretario del S.PP. – con il sacrificio degli uomini e delle donne in divisa stiamo riuscendo ad assicurare un servizio che, come riprovano le violente rivolte dei giorni scorsi, è soprattutto un servizio ai cittadini per garantire sicurezza.

Al punto in cui siamo – afferma Di Giacomo – non possiamo avere più fiducia nell’Amministrazione Penitenziaria e ci rivolgeremo direttamente ai Prefetti perché sia accertato nelle carceri il pieno rispetto delle norme di prevenzione che il Governo ha deciso e che non possono valere solo fuori gli istituti penitenziari.

Il S.PP. non farà sconti a nessuno perché si individuino le responsabilità e mette in guardia: anche nelle carceri del Sud la situazione è a limite della sopportazione e giorno per giorno diventa carica di tensioni. Qualcuno evidentemente si illude che nelle carceri è tornata la calma, ma purtroppo non è così.

Siamo di fronte ad una situazione – aggiunge – di calma solo apparente e tanto meno sarà sufficiente l’arrivo del migliaio di nuovi agenti che dovrebbero essere formati e non mandati allo sbaraglio.  

Il Segretario Generale

Dott. Aldo Di Giacomo

Dott. Aldo Di Giacomo

Carissimi Colleghi, da oggi chiunque voglia parlare con il Segretario Generale S.PP. Aldo DI GIACOMO può “incontrarlo” attraverso videochiamata WhatsApp per trattare argomenti a carattere personale e/o tematiche collettive.

Per poter fissare un incontro chiamare al numero 3398085556 o inviare un messaggio WhatsApp.

Collaborazione

Flessibile, vantaggioso e dinamico.

Che tu sia un dipendente o un libero professionista,

Alleata Previdenza ti aiuta a costruire il domani a partire dai tuoi bisogni odierni.

Rimborsi cessione del V

Hai estinto anticipatamente o rinnovato una Cessione del Quinto negli ultimi 10 anni?

Puoi avere un rimborso da 1.000 € a 5.000 €.

Richiedere il rimborso è un tuo diritto.

Non dovrai anticipare spese di avvio pratica.

Consulenza e Servizi

La nostra Segreteria ha sviluppato nel tempo numerosi accordi in convenzione, realizzati per soddisfare le esigenze di risparmio e protezione dei propri iscritti e dei loro familiari.

k

Tag

n

Categorie

Video SPP