24 febbraio 2017. Permessi ex L. 104-92: dev’esserci assistenza al disabile, altrimenti è truffa. La Corte Costituzionale si è recentemente espressa con una sentenza importante.

In evidenza

In sostanza, dopo precedenti sentenze che, nella fattispecie, configuravano il delitto di danno patrimoniale, per la Suprema Corte il dipendente che utilizzi i 3 giorni di permesso mensili ex legge 104/1992 ed i congedi straordinari non per assistere il disabile ma per concedersi esclusivamente un riposo è imputabile di truffa.

La Cassazione ribadisce che i giorni di permesso ex L. 104 non si possono considerare giorni di ferie (per i quali invece esiste un altro istituto giuridico) ma sono dei giorni che il Legislatore ha concesso a chi si fa carico dell’assistenza dei disabili per alleggerire il carico quotidiano, esonerando il beneficiario dall’attività lavorativa.

Tra le righe si capisce, quindi, che durante i giorni di permesso ex L. 104 il beneficiario deve comunque prestare attività di assistenza al disabile, ma l’esonero dalla prestazione lavorativa gli consente di beneficiare di alcune ore da poter dedicare al riposo e a se stesso.

Alcune ore, e non i giorni interi. La Corte inoltre ribadisce l’interpretazione giurisprudenziale secondo cui l’attività assistenziale non deve necessariamente sostituire quella lavorativa (ossia il beneficiario del permesso non è obbligato a prestare assistenza al disabile durante tutto quello che sarebbe il suo orario lavorativo), ma non può usufruire di tali gironi di permesso senza prestare alcuna attività assistenziale al disabile.

Niente viaggi di piacere, quindi, usufruendo dei permessi 104 se non si vuole finire nei guai per truffa! La sentenza arriva nel corso di un processo nel Comparto della Scuola (in cui circa il 13% del personale usufruisce di questi permessi), ma detta la linea di principio che vale per tutti i beneficiari della L. 104/1992.

Il Segretario Generale

Dott. Aldo Di Giacomo

Dott. Aldo Di Giacomo

Carissimi Colleghi, da oggi chiunque voglia parlare con il Segretario Generale S.PP. Aldo DI GIACOMO può “incontrarlo” attraverso videochiamata WhatsApp per trattare argomenti a carattere personale e/o tematiche collettive.

Per poter fissare un incontro chiamare al numero 3398085556 o inviare un messaggio WhatsApp.

Collaborazione

Flessibile, vantaggioso e dinamico.

Che tu sia un dipendente o un libero professionista,

Alleata Previdenza ti aiuta a costruire il domani a partire dai tuoi bisogni odierni.

Rimborsi cessione del V

Hai estinto anticipatamente o rinnovato una Cessione del Quinto negli ultimi 10 anni?

Puoi avere un rimborso da 1.000 € a 5.000 €.

Richiedere il rimborso è un tuo diritto.

Non dovrai anticipare spese di avvio pratica.

Consulenza e Servizi

La nostra Segreteria ha sviluppato nel tempo numerosi accordi in convenzione, realizzati per soddisfare le esigenze di risparmio e protezione dei propri iscritti e dei loro familiari.

k

Tag

n

Categorie

Video SPP