4 luglio 2022 Aldo Di Giacomo: l’allarme lanciato dal Procuratore di Reggio Calabria Bombardieri è il nostro stesso allarme

Attività, Comunicati

“L’allarme lanciato dal procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri – “oggi le strutture penitenziarie, anche nei circuiti di sicurezza, non garantiscono quella impermeabilità che dovrebbe essere necessaria” – è lo stesso che lanciamo, anche noi inascoltati, da troppo tempo.

Lo ripetiamo: interrompere ogni possibile comunicazione dei capo clan mafiosi in stato di arresto, domiciliare come in carcere, è una priorità se si vuole realmente ed efficacemente contrastare la mafia, la ‘ndrangheta e la camorra”.

E’ quanto sostiene il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria – S.PP. – Aldo Di Giacomo che aggiunge: “dietro il termine impermeabilità c’è la situazione, sfuggita al controllo dello Stato, del carcere dove arrivano in media due affiliati a clan mafiosi ogni giorno e dove i casi di ordini e minacce estorsive, persino via telefono, si susseguono da tempo e interessano soprattutto gli istituti penitenziari con detenuti a regime 41 bis.

Lo Stato sta dimostrando tutta la sua incapacità vanificando il grande lavoro dei magistrati antimafia e degli inquirenti con il rischio sempre più diffuso che chi ha subito violenze, ricatti, richieste estorsive, rinunci a collaborare.

Ha ragione il magistrato a ribadire che il 41 bis è un istituto che serve a contrastare i collegamenti con l’esterno, rompendo il clima buonista alimentato da quanti vorrebbero l’abolizione o comunque rendere “più comodo” il 41 bis.

E anche come il dottor Bombardieri – continua Di Giacomo – non vogliamo parlare alla pancia della gente e alla politica che subisce l’emotività del momento.

Dunque, il continuo ritrovamento di telefonini – in media cinque la settimana – in gran parte arrivati dal “cielo” (attraverso i droni) è il primo elemento per interrompere, una volta per tutte, con le comunicazioni, il “comando” dal carcere ai territori oltre alle minacce ed estorsioni via telefono come è dimostrato da tanti casi di cronaca.

È naturale chiedersi se siamo solo di fronte ad una diffusa incapacità di far fronte alla criminalità che opera dal carcere o se c’è dell’altro.

Questa situazione conferma – dice ancora Di Giacomo – che, come sosteniamo da anni, la lotta alle mafie si conduce a partire dal carcere dove sono detenuti capi clan e boss insieme ad esponenti di spicco delle famiglie.

Non si sottovaluti – afferma il segretario del Sindacato Penitenziari – che le mafie approfittando di questa fase di crisi internazionale e difficoltà economica per imprenditori e famiglie stanno concentrando i propri interessi sulle attività economiche e produttive per acquisire alberghi, ristoranti, imprese, intensificare l’usura, decidendo e pianificando dalle celle le operazioni da svolgere.

Il Segretario Generale

Dott. Aldo Di Giacomo

Dott. Aldo Di Giacomo

Carissimi Colleghi, da oggi chiunque voglia parlare con il Segretario Generale S.PP. Aldo DI GIACOMO può “incontrarlo” attraverso videochiamata WhatsApp per trattare argomenti a carattere personale e/o tematiche collettive.

Per poter fissare un incontro chiamare al numero 3398085556 o inviare un messaggio WhatsApp.

Collaborazione

Flessibile, vantaggioso e dinamico.

Che tu sia un dipendente o un libero professionista,

Alleata Previdenza ti aiuta a costruire il domani a partire dai tuoi bisogni odierni.

Rimborsi cessione del V

Hai estinto anticipatamente o rinnovato una Cessione del Quinto negli ultimi 10 anni?

Puoi avere un rimborso da 1.000 € a 5.000 €.

Richiedere il rimborso è un tuo diritto.

Non dovrai anticipare spese di avvio pratica.

Consulenza e Servizi

La nostra Segreteria ha sviluppato nel tempo numerosi accordi in convenzione, realizzati per soddisfare le esigenze di risparmio e protezione dei propri iscritti e dei loro familiari.

k

Tag

n

Categorie

Video SPP