19 settembre 2022 L’Aquila detenuto 41 bis aggredisce scorta: DI GIACOMO, mettere fine alle continue e pressanti richieste di abolizione del 41 bis o cosiddetto “affievolimento” del carcere duro

Primo piano

“L’ aggressione da parte di un detenuto 41 bis, del carcere dell’Aquila, ai danni degli agenti di polizia penitenziaria della scorta, costretti a ricorrere alle cure ospedaliere, dovrebbe mettere fine alle continue e pressanti richieste di abolizione del 41 bis o di cosiddetto “affievolimento” del carcere duro”.

E’ quanto afferma il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria (S.PP.) Aldo Di Giacomo, impegnato in un tour tra le carceri italiane per denunciare la gravità della situazione e sollecitare urgenti interventi di istituzioni e della politica.

“I detenuti 41 bis continuano a rappresentare un rischio – aggiunge – non solo per gli agenti ma soprattutto per quanto riescono ancora a fare con messaggi inviati fuori dal carcere.

Sono sempre più numerosi i casi di telefonini sequestrati e di indagini dalle quali si evince che boss ed affiliati ai clan impartiscono ordini comodamente dalla cella e sono in grado persino di intimidire imprenditori, famiglie delle vittime, altri criminali.

Siamo ad un punto di non ritorno nell’atteggiamento di chi amministra il sistema penitenziario e che non a caso, all’atto di nomina della Ministra Cartabia, a marzo scorso, era stato contestato da associazioni di vittime di mafia, sindacati, esponenti politici.

Pensavamo di aver toccato il fondo con la sentenza della Consulta che ha dichiarato “illegittimo” il visto di censura della corrispondenza tra mafiosi al 41-bis e i loro avvocati ed invece non c’è mai il peggio.

Noi continuiamo a denunciarlo e ci schieriamo dalla parte dei familiari delle vittime e dei numerosi magistrati anti-mafia che la pensano esattamente come noi, consapevoli – dice Di Giacomo – del rischio che parta dal carcere un ordine di commettere un delitto e di impartire ordini agli uomini dei territori è sempre alto.

Del resto la comunicazione dei capi clan all’esterno, non avviene certo con mogli e fidanzate.

Per tutto questo – conclude Di Giacomo – non è più sufficiente semplicemente rafforzare le misure di sicurezza negli istituti con 41 bis”.

Il Segretario Generale

Dott. Aldo Di Giacomo

Dott. Aldo Di Giacomo

Carissimi Colleghi, da oggi chiunque voglia parlare con il Segretario Generale S.PP. Aldo DI GIACOMO può “incontrarlo” attraverso videochiamata WhatsApp per trattare argomenti a carattere personale e/o tematiche collettive.

Per poter fissare un incontro chiamare al numero 3398085556 o inviare un messaggio WhatsApp.

Collaborazione

Flessibile, vantaggioso e dinamico.

Che tu sia un dipendente o un libero professionista,

Alleata Previdenza ti aiuta a costruire il domani a partire dai tuoi bisogni odierni.

Rimborsi cessione del V

Hai estinto anticipatamente o rinnovato una Cessione del Quinto negli ultimi 10 anni?

Puoi avere un rimborso da 1.000 € a 5.000 €.

Richiedere il rimborso è un tuo diritto.

Non dovrai anticipare spese di avvio pratica.

Consulenza e Servizi

La nostra Segreteria ha sviluppato nel tempo numerosi accordi in convenzione, realizzati per soddisfare le esigenze di risparmio e protezione dei propri iscritti e dei loro familiari.

k

Tag

n

Categorie

Video SPP

Photo gallery