7 novembre 2019. Di Giacomo, mettere fine a delegittimazione polizia penitenziaria

Attività, Comunicati

“Prima di archiviare i “casi” dell’ex detenuto che a Parma è stato chiamato a tenere lezione in un corso di formazione per agenti penitenziari e del noto psichiatra che non è stato ammesso nel carcere Vallette di Torino, come qualche dirigente di sigla sindacale avrebbe voluto, per fornire assistenza psicologica al personale, è il caso di interrogarsi su quanto “pesa” oggi la categoria soprattutto per responsabilità dei sindacati che la rappresentano”.

A sostenerlo è il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria Aldo Di Giacomo per il quale “i due casi, solo apparentemente diversi tra loro, sono due facce della stessa medaglia: la delegittimazione del personale penitenziario. Una delegittimazione che ha responsabilità “esterne” nella politica, nelle istituzioni, in associazioni che continuano a confondere le vittime con i carnefici e che alimentano la campagna per l’abolizione del 41 bis ma anche “interne”.

I sindacati dei penitenziari, badando solo alle tessere, in una corsa di competizione tra sigle e a rivendicazioni limitate, hanno perso di vista l’obiettivo centrale della difesa del personale, diventando in questo modo co-responsabili all’attuale deflagrazione del sistema carcerario. Il risultato è che è in atto una campagna mediatica contro gli agenti che non si è in grado di contrastare, ricercando un capo espiatorio, mentre in tre anni le violenze al personale sono aumentate del 300 per cento, i suicidi di agenti del 120 per cento, le condizioni di lavoro sono sempre più massacranti.

È ora – sostiene Di Giacomo – di finirla di fare sindacato, tra l’altro con gruppi dirigenti per l’80 per cento formati da pensionati e quindi senza un adeguamento ricambio generazionale, senza affrontare i problemi veri e intervenendo solo, con comunicati, a fatti avvenuti. Siamo l’unico sindacato di categoria che non si è rinnovato con gli stessi dirigenti da troppi anni, battendo persino il record dei sindacati bulgari.

L’inadeguatezza dei gruppi dirigenti delle sigle sindacali della penitenziaria è sin troppo evidente perché non si riesce a tenere testa ai grandi cambiamenti intervenuti negli anni. Noi, invece, avviando un’autentica e trasparente operazione verità – continua il segretario del S.PP. – non siamo più disposti ad assecondare questa situazione e chiamiamo tutti i colleghi, a prescindere dalla sigla di appartenenza, a diventare protagonisti del loro nuovo sindacato e a farsi attivi sostenitori del cambiamento complessivo.

Al contrario – conclude Di Giacomo – saremo costretti a ricevere lezioni da ex detenuti e ad essere assistiti da psichiatri”.

Il Segretario Generale

Dott. Aldo Di Giacomo

Dott. Aldo Di Giacomo

Carissimi Colleghi, da oggi chiunque voglia parlare con il Segretario Generale S.PP. Aldo DI GIACOMO può “incontrarlo” attraverso videochiamata WhatsApp per trattare argomenti a carattere personale e/o tematiche collettive.

Per poter fissare un incontro chiamare al numero 3398085556 o inviare un messaggio WhatsApp.

Collaborazione

Flessibile, vantaggioso e dinamico.

Che tu sia un dipendente o un libero professionista,

Alleata Previdenza ti aiuta a costruire il domani a partire dai tuoi bisogni odierni.

Rimborsi cessione del V

Hai estinto anticipatamente o rinnovato una Cessione del Quinto negli ultimi 10 anni?

Puoi avere un rimborso da 1.000 € a 5.000 €.

Richiedere il rimborso è un tuo diritto.

Non dovrai anticipare spese di avvio pratica.

Consulenza e Servizi

La nostra Segreteria ha sviluppato nel tempo numerosi accordi in convenzione, realizzati per soddisfare le esigenze di risparmio e protezione dei propri iscritti e dei loro familiari.

k

Tag

n

Categorie

Video SPP